Tricotillomania vizio, come perderlo grazie all’impianto.

Tricotillomania

Hai mai sentito parlare del vizio della tricotillomania? Se sì, sai che è terribile. Questa settimana voglio raccontarti la storia di Elisa. (Il nome è inventato per proteggere la privacy della cliente).

Con il mio lavoro vengo a contatto tutti i giorni con persone che hanno problemi di diradamento e caduta di capelli.

Per la maggior parte di loro questo disturbo è causato da una patologia ereditaria come l’alopecia androgenetica o scatenata da traumi, stress, che danno origine ad alopecia areata ad esempio.

Altri tipi di alopecia, come abbiamo visto, possono essere scatenate da medicinali, prodotti estetici troppo aggressivi o a causa di trattamenti chemioterapici.

Ovviamente in nessun di questi casi c’è la volontà di strapparsi, togliersi i capelli da parte della persona è semplicemente la conseguenza a fattori che ho elencato prima. Ma esiste una patologia dove la causa del diradamento dei capelli è proprio la persona in quanto trova piacere nello strapparseli.

Questa condizione si chiama Tricotillomania.

Che cos’è la tricotillomania come vizio?

È un disturbo ossessivo-compulsivo che porta una persona a tirare e strapparsi i capelli, le ciglia, le sopracciglia, la barba e i peli di tutto il corpo.

La persona affetta da tricotillomania può servirsi delle proprie unghie, di pinzette o altri strumenti per strapparsi peli o capelli, questo vizio è una sorta di piacere che distoglie dall’ansia o dallo stress che si sta provando. 

Questi comportamenti a lungo andare possono determinare aree alopeciche permanenti

La storia di Elisa

Queste informazioni le sapevo già ovviamente, ma quando a raccontarmele fu Elisa e suo marito confesso che ho proprio sentito l’impulso a volerla aiutare.

Per Elisa la tricotillomania era un vizio che ormai si portava dietro da qualche anno, soprattutto nei momenti di forte stress.

Si arrotolava i capelli tra le dita e li spezzava o strappava, ovviamente questo atteggiamento compulsivo le creò un danno evidente sulla zona superiore della testa dove ormai i capelli non crescevano più.

Era disperata! Immagina chi si mangia le unghie; è consapevole che guardandosi le mani con le unghie mangiate sono brutte da vedere esteticamente, eppure continua a farlo. Per chi soffre di tricotillomania è uguale.

Come per la mia cara Elisa, che nonostante avesse provato di tutto per smettere non ci riusciva, creandole un maggiore senso di ansia e inadeguatezza che peggiorava la situazione.

Anche il marito voleva aiutarla, stanco di vedere la moglie rovinarsi con le sue stesse mani.

La soluzione Capelli For You per il vizio della tricotillomania

Parlando con Elisa e il marito le proposi una membrana in cute parziale.

La membrana quinta dimensione in cute parziale di Capelli For You, permette di ricoprire solo la parte interessata dal diradamento o della calvizie amalgamandosi perfettamente al resto della capigliatura naturale, in quanto viene scelto il capello più simile la densità giusta e il colore perfetto.

L’attaccatura frontale è estremamente naturale, tanto da permettere acconciature che prevedono la fronte scoperta senza che nessuno si accorgerà di nulla.

La sottigliezza e l’elasticità della membrana quinta dimensione non crea scalini toccando la cute e grazie all’estrema elasticità segue il movimento della cute in maniera naturale.

Nonostante la perplessità di Elisa il marito la convinse a provare questa soluzione.

Il giorno dell’impianto

Elisa venne accompagnata dal marito che l’attese fuori dalla stanza in cui mi apparto con le mie clienti per “fare la magia”.

Era molto emozionata e sopratutto preoccupata di non riuscire a trattenere quel maledetto vizio che la portò a ridurre la sua capigliatura in quello stato.

L’idea era di dire addio a quel vizio della tricotillomania da quel giorno!

Io al contrario ero molto fiduciosa, sicuramente rivedersi di nuovo bella e non vivere l’imbarazzo di non avere capelli sulla parte alta della testa le avrebbe tolto una bella parte di stress.

Ecco che dopo qualche ora di lavoro completai l’opera con tanto di nuovo taglio e piega mossa.

Elisa guardandosi allo specchio s’illuminò in viso, rivedersi così bella e raggiante con i capelli folti e sani che le cadevano lungo le spalle la fece rinascere.

L’emozione più grande fu quando uscì dalla stanza e raggiunse il marito che l’attendeva al di fuori.

Lui era più emozionato di lei se avesse avuto 10 occhi li avrebbe usati tutti per guardarla: la spostava a destra, a sinistra, gli girò attorno continuando a dirle: “Amore sei bellissima, ti piaci? Ma guarda come sei bella, dovevamo pensarci prima, adesso vedrai che tutto andrà bene…” insomma un uomo innamoratissimo della sua donna e complice con lei.

Elisa e il vizio della tricotillomania

Elisa tenne l’impianto per 10 mesi, dopo di ché, ormai sicura di aver risolto il suo problema con la tricotillomania, decise di far continuare a crescere i suoi capelli che nel frattempo protetti dalla membrana riconquistarono forza.

Anche questo per me fu motivo di orgoglio. Vedo Elisa per la piega e il taglio adesso, sono veramente contenta che grazie all’impianto è riuscita a smettere di strapparsi i capelli e avere una vita normale.

Da noi al Carisma Style, entri come sei ed esci come vuoi.

Alla prossima,
Grazia ❤️

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *